Se l'approssimazione diventa la regola

Qualche giorno fa abbiamo appreso dai giornali della nascita di una fantomatica “arena equestre” in un’area abbandonata, di proprietà comunale, sulle sponde della Dora Baltea. Diciamo subito che siamo favorevoli, tanto da averla proposta noi stessi tempo fa e più avanti vedremo perchè, alla riqualificazione ed all’utilizzo ad uso pubblico di quel terreno diventato nel tempo una foresta impenetrabile e una discarica a cielo aperto agevolata dall’esistenza di una stradina di servizio fiancheggiante la recinzione del liceo Gramsci. Perché allora stupirsi dell’ultima trovata dell’Amministrazione Comunale? Perché, molto banalmente e come sempre, di questa tardiva iniziativa i consiglieri comunali e i cittadini non sono stati informati e a tutt’oggi non sono a conoscenza di progetti, finalità, accordi convenzionali con il privato, permessi, autorizzazioni, certificazioni e collaudi vari.

Leggi tutto...
Sottoscrivi questo feed RSS