progetto per Ivrea

Federico Bona

Federico Bona

URL del sito web:

La piaga contemporanea del gioco d'azzardo

L’impegno di ViviamoIvrea nel campo del contrasto al gioco d’azzardo, condotto fin dal 2013, è sicuramente uno dei fiori all’occhiello della nostra lista civica, per diverse ragioni. Una peculiarità della campagna contro il gioco d'azzardo promossa da ViviamoIvrea è stata il tentativo di coinvolgere la maggioranza: il Sindaco e diversi Consiglieri hanno sottoscritto la raccolta firme a sostegno della proposta di legge “Tutela della salute degli individui tramite il riordino delle norme vigenti in materia di giochi con vincite in denaro-giochi d’azzardo” e nella serata organizzata, nell'ottobre del 2014, allo Zac da ViviamoIvrea - con ospiti come Piero Magri (della “Scuola delle Buone Pratiche”) e Carlo Zarmati (del Sert di Ivrea) - abbiamo invitato a relazionare la Consigliera di maggioranza Erna Restivo e l’Assessore Augusto Vino. Purtroppo questi nostri tentativi di apertura non hanno avuto un riscontro altrettanto forte da parte della maggioranza, nei mesi e negli anni che sono seguiti a quella iniziativa.

Contro i provvedimenti del governo che favoriscono il gioco d'azzardo

La lista civica ViviamoIvrea ha presentato un Ordine del Giorno che sarà discusso nel Consiglio comunale di lunedì 11 maggio contro i provvedimenti del Governo che tendono a limitare i poteri di Comuni e Regioni in merito alla regolamentazione del gioco d'azzardo. La bozza del decreto fiscale sul "riordino delle disposizioni in materia di giochi pubblici". predisposta dal Governo Renzi e recentemente diffusa, si legge nel documento, contiene diversi punti critici sul tema del contrasto al gioco d'azzardo alcuni dei quali potrebbero anche essere in contrasto con l'art.14 della Delega Fiscale, Legge 23/2014. Particolarmente penalizzante per gli enti locali è il comma 2 dell'articolo 13, che vieta a Comuni e Regioni di imporre limitazioni di distanza ed orari nei riguardi dei punti di offerta di gioco, così come non potranno adottare altri tipi di misure che "si risolvono in forme di sostanziale espulsione dal territorio comunale" delle sale da gioco.

Ivrea affila le armi (spuntate) contro il gioco d'azzardo

"Ivrea, guerra al gioco d'azzardo": qualche volta legger i titoli dei giornali ci fa sentir fieri di essere Eporediesi: in effetti la nostra città si è impegnata, negli ultimi mesi, su vari fronti per combattere una delle piaghe sociali più attuali: il gioco d'azzardo compulsivo. Ma se fino a oggi le armi erano spuntate, a breve potrebbero essere definitivamente spezzate. E' di questi giorni la notizia che ordinanze, decreti e leggi emanate da Comuni e Regioni decadranno entro la fine dell'anno!

Chiedete e vi sarà dato...

"Chiedete e vi sarà dato". Qualche volta questo passo evangelico trova applicazione anche nella vita amministrativa eporediese. Di rado, ma capita! La foto che pubblichiamo ne è un esempio. Si tratta del mancorrente istallato recentemente nell'insidiosa scala a chiocciola che conduce al secondo piano dell'edificio comunale di via Cardinal Fietta, dove hanno sede gli uffici dei tributi comunali. Uffici spesso frequentati da persone anziane che più di una volta, su quella scala hanno rischiato l'osso del collo.

Sottoscrivi questo feed RSS

candi wall