OdG Decreto Minniti (bozza)

Il Consiglio Comunale
Chiede al Governo e al Parlamento di ritirare i due decreti citati in narrativa e altresì di rafforzare la collaborazione con i Comuni per l’incremento dell’accoglienza diffusa, l’incremento dei fondi per le politiche sociali – a partire dal Fondo Sociale Nazionale - e d‘inclusione (compresi fondi per ottimizzare i controlli finalizzati ad un accoglienza rispettosa dei diritti degli accolti) e di riduzione della marginalità sociale
Impegna il Sindaco e la Giunta
1. Comunque a non ricorrere agli strumenti previsti dai suddetti decreti e anzi – in auto tutela, per le motivazioni sopra esposte – a sollevare, anche in via incidentale nelle sedi opportune, quesito di legittimità costituzionale dei medesimi decreti.
2. Ad agire in tutte le sedi possibili e deputate per opporsi all’applicazione dei provvedimenti previsti nei decreti suddetti – anche parzialmente – qualora istituzioni della Repubblica sovra ordinate al Comune ne imponessero l’applicazione.
Leggi tutto...

Giardino dei Migranti

  • Pubblicato in Mozioni

Mozione che impegna il Sindaco e la Giunta a individuare un luogo simbolico adatto per la creazione di un "giardino (o roseto) dei migranti e dei rifugiati" in ricordo di tutte le vittime dell'immigrazione. L'Amministrazione dovrà, inoltre, promuovere, presso tutte le scuole dell'infanzia/elementari e medie del territorio comunale, una iniziativa che preveda la messa a dimora, con l'aiuto dei partecipanti, di alcuni alberi e arbusti di rose in concomitanza con la Giornata nazionale in memoria istituita a seguito della strage di Lampedusa avvenuta nel 2013 nella quale ci furono 366 morti e 20 dispersi.
L'iniziativa di far nascere un giardino dei migranti e dei rifugiati non è quindi solo un atto simbolico ma dovrà essere accompagnata da percorsi atti a sensibilizzare e informare i ragazzi delle scuole e la popolazione su questo tema, affinché non si lasci cadere nell'oblio le tante, troppe stragi di innocenti alle quali ci stiamo cinicamente abituando nonostante ci si trovi di fronte a numeri da apocalisse. Il giardino potrebbe divenire luogo di memoria e di confronto tra la nostra storia di emigranti e i nuovi popoli che attraversano il Mediterraneo inseguendo la speranza di un futuro migliore.

Leggi tutto...
Sottoscrivi questo feed RSS